SUCCESSO OLTRE LE ASPETTATIVE PER IL QUARTO “GRAND BAL D’ITALIE”: LA SODDISFAZIONE DEL COMITES

BRUXELLES\ aise\ – Oltre 420 partecipanti al “Grand Bal d’Italie”, quarto galà di beneficenza organizzato dal Comites di Bruxelles, Brabante e Fiandre, che si è tenuto il 7 dicembre nella capitale belga. “Siamo molto orgogliosi di questa iniziativa, che è diventata un appuntamento imperdibile per la vita culturale brussellese della comunità italiana”, ha commentato Raffaele Napolitano, Presidente del Comites.
Per questa edizione a tema “Souvenir d’Italie”, è stata proposta una panoramica delle più belle città e regioni d’Italia, a cominciare da Matera, capitale culturale europea 2019, che ha patrocinato l’evento, insieme all’Ambasciata d’Italia a Bruxelles.
“Le Grand bal d’Italie non è un evento, è un luogo” spiega Benedetta Dentamaro, ideatrice della manifestazione, “un luogo dove si ritrovano italiani e non italiani. Noi italiani possiamo gioire della nostra italianità e farla conoscere ai non italiani, che la apprezzano e sono sempre gli ultimi a lasciare la sala”. SUCCESSO OLTRE LE ASPETTATIVE PER IL QUARTO “GRAND BAL D’ITALIE”: LA SODDISFAZIONE DEL COMITES
Gli ospiti, giunti da Belgio, Italia, Francia, Olanda, Lussemburgo, Regno Unito e Svizzera, sono stati accolti da sbandieratori con il tricolore italiano.
Novità di quest’anno, un gruppo di danze folkloristiche italiane, composte di immigrate di seconda e terza generazione, che coltivano la tradizione a Charleroi e in Belgio. “Abbiamo portato la pizzica al Grand bal d’Italie! È stato un rischio, ma gli ospiti di ogni nazionalità si sono lasciati trascinare dai ritmi del sud Italia” aggiunge Dentamaro.
La manifestazione era stata inserita nell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018 dalla Commissione europea.
“Con questo evento il Comites di Bruxelles realizza quella parte della sua missione che mira all’integrazione degli italiani nel paese ospite e alla diffusione della cultura italiana all’estero. Tutto ciò è reso possibile dal lavoro di pochi volontari e dalla generosità di alcuni sponsor. La comunità internazionale e gli artisti ci chiedono di organizzare la quinta edizione. Ma, per portare avanti questa iniziativa faro, avremmo bisogno del sostegno delle istituzioni italiane” conclude Dentamaro.
I proventi della serata (circa 5000 euro) saranno devoluti ad attività di assistenza degli italiani in situazioni di bisogno e a progetti d’integrazione dei rifugiati in Belgio. (aise) 

Lascia un commento

Pin It on Pinterest

Shares
Share This